La storia dell’Uomo è, per buona parte, una continua dimostrazione di ingegno e sforzo intellettuale. Tralasciando le manifestazioni artistiche e filosofiche, la prima necessità è stata quella di piegare la natura ai propri bisogni, superando ostacoli altrimenti insormontabili per quasi tutti gli altri esseri senzienti. Questa tendenza è, ad oggi, manifestamente eccessiva rispetto alle necessità della nostra società, tanto che il vero sforzo appare essere quello di ridare spazio ad una natura sempre più costretta e soffocata. 


Ma tornando all’argomento dell’articolo, la storia insegna che buona parte degli sforzi inventivi del genere umano sono stati veicolati in una delle nostre attività preferite: la guerra. La cosa non stupisce: i conflitti bellici sono stati onnipresenti nelle cronache di tutte le civiltà, e sono ben lontani dall’essere spariti in quelle contemporanee (pur non interessando più, direttamente, il mondo occidentale). Gioco forza che l’importanza di imporsi sull’avversario abbia influenzato gran parte delle branche scientifiche e tecnologiche. Le guerre possono essere vinte con equipaggiamenti migliori, con mezzi di comunicazione migliori, con foraggiamenti migliori e non certo solo con i numeri. Tra tutte le esigenze belliche, poi, lo sviluppo delle armi è forse il più importante – o quantomeno uno dei più affascinanti. 

All’interno dell’immensa tematica dell’invenzione di strumenti di offesa, un posto particolare è riservato all’utilizzo bellico degli animali. Il più diffuso, e fisiologico, è sempre stato quello del trasporto o dell’attacco diretto: il cavallo o il cane da guerra, utilizzato già da prima dei canis pugnaces Romani. A fianco a questi utilizzi ordinari si sono spesso affiancate idee più bislacche; sempre in tema di Romani i maiali infuocati lanciati contro gli elefanti di Pirro sono un buon esempio (sebbene ci siano dubbi sulla veridicità delle fonti storiche in merito. Ancora, pare che all’inizio della dinastia Song, in Cina, siano state utilizzate scimmie vestite con stracci imbevuti di liquido infiammabile. Tra le iniziative più recenti e documentate spicca, però, quella della bomba-pipistrello, più musicalmente definita in inglese come bat-bomb

Il sogno di un dentista

La storia della bat-bomb segue quella del suo inventore Lytle S. Adams, un dentista della Pennsylvania. Adams, tranquillo sessantenne, fu letteralmente devastato dalla notizia dell’improvviso attacco giapponese alla base aerea di Pearl Harbor, tanto da convincersi a dover fare qualcosa per aiutare il suo paese a distruggere il nuovo nemico. Ad ispirarlo fu una recentissima visita alle caverne Carlsbad, parco nazionale americano riconosciuto patrimonio mondiale dell’Unesco nel 1995. Le caverne, oltre al loro inestimabile valore naturalistico, ospitano diciassette specie diverse di pipistrelli, che all’epoca del nostro dentista erano quantificati in milioni di esemplari. Ad oggi, per colpa dei pesticidi DDT, il numero è significativamente ridotto, con un picco di 700’000 registrato nel 2005. 

Un’immagine delle caverne Carlsbad

Ad ogni modo, il numero impressionante di piccoli mammiferi convinse Lytle delle potenzialità belliche di un “esercito” di milioni di pipistrelli, collegati ad un ordigno incendiario e rilasciati sulla superficie del Giappone. Il dentista non fu colpito solo dai numeri: ritornato nelle caverne Carlsbad e catturato qualche esemplare, iniziò a studiare amatorialmente, ma con fervore, le caratteristiche dei pipistrelli. Un primo punto a favore dei volatili fu la loro forza: capaci di trasportare la propria prole in volo, i pipistrelli avrebbero potuto reggere lo sforzo di volare con un piccolo ordigno legato al corpo. Un secondo punto di grande importanza fu riscontrato nella capacità di andare in letargo (e di svegliarsi) molto rapidamente. Il pipistrello, infatti, va in letargo durante la stagione invernale, una volta che la temperatura si abbassa sotto una certa soglia, ma è ugualmente capace di svegliarsi in situazioni di pericolo con grande rapidità, grazie alla sua attività metabolica elevata. Per Adams il letargo rappresentava il miglior modo di trasportare gli animali, che sarebbero rimasti inermi per gran parte del trasporto.

L’idea che il neonato scienziato mise nero su bianco, quindi, prevedeva l’inscatolamento a basse temperature degli animali, collegati a dispositivi incendiari a tempo. Una volta sganciato il contenitore e liberati i pipistrelli nei cieli giapponesi la natura dei piccoli mammiferi avrebbe fatto il resto: sulla base dei numeri elevatissimi di esemplari sganciati e del grande areale ricopribile dagli stessi Adams prevedeva di infliggere ingenti danni, materiali e morali. In tal senso, in realtà, la bat-bomb mostra ad oggi i suoi veri limiti bellici, basati principalmente sul preconcetto del dentista americano, convinto che la grande maggioranza delle abitazioni e delle strutture nipponiche fossero in legno e carta. Una visione romantica, ma poco rispondente alla realtà dei nuclei urbani più importanti. 

Roosvelt, i pipistrelli e i test sul campo

La storia della bomba-pipistrello sarebbe rimasta con molta probabilità nel dimenticatoio, se non fosse stato per il rapporto di amicizia intercorrente tra Lytle ed Eleanor Roosvelt, la First Lady of the World, per citare Truman. Eleanor ricevette la missiva contenente l’idea di Adams e prontamente la girò al Presidente Roosvelt, il quale a sua volta, colpito dall’originalità della pensata, la presentò al capo dell’intelligence militare, il Colonnello Donovan. Assieme allo scritto di Adams, Roosvelt allegò anche una presentazione di suo pugno, nella quale affermava che il dentista “non è affatto un pazzo” e che la bat-bomb “è un’idea che sembrerebbe folle ma che vale la pena approfondire”.

Dopo una convocazione, con annessa dimostrazione “casalinga”, a Washington, la proposta del dentista passò al livello successivo, trasformandosi in un progetto di ricerca dell’Esercito USA dal nome in codice Project X-Ray. Al gruppo di lavoro si unì anche il dottor Griffin, successivamente scopritore dell’ecolocalizzazione animale e grande appassionato dei processi cognitivi non umani. Griffin, in piena guerra ed ancora inesperto, si dimostrò favorevole all’idea, salvo poi lasciare i lavori una volta constatata l’impossibilità dei pipistrelli di trasportare gli ordigni incendiari designati per lo scopo. Molti anni dopo lo stimato scienziato, avvicinatosi all’aspetto etico del proprio lavoro, disconoscerà il suo contributo alla progettazione. 

Pipistrello a coda libera messicano

Ad ogni modo, lo sviluppo andò avanti. Innanzitutto fu scelto come esemplare da utilizzare il pipistrello a coda libera messicano. Si tratta di una razza di piccole dimensioni, da cui il verdetto negativo di Griffin circa il trasporto di eventuali ordigni. Nel frattempo, però, si unì al progetto anche Fieser, lo scienziato inventore del napalm. La sostanza, un gel altamente infiammabile e impermeabile all’acqua, fu sintetizzata proprio nel 1942, per essere immediatamente utilizzata sia durante la Seconda Guerra Mondiale che, successivamente, nei noti conflitti di Corea e Vietnam. Fieser ideò quindi delle capsule in cellulosa, contenenti napalm, facilmente trasportabili dagli sventurati pipistrelli. Per questi ultimi fu disegnato, con l’ausilio dello stesso tenace Adams, un contenitore dotato di griglie ed “alloggi”, capace di contenere fino a 1040 esemplari. La bat-bomb era, tecnicamente, pronta.

Il momento dei test, durante i quali il progetto passò dall’Esercito alla Marina, dette risultati altalenanti. Alcuni evidenti problemi di gestione della bomba scaturivano dall’impossibilità di gestire con precisione il letargo dei pipistrelli. Innanzitutto, non si riusciva a stabilire una temperatura esatta, al di sotto della quale l’animale decidesse di addormentarsi. Per stimolare rapidamente la fase di torpore molti esemplari vennero letteralmente uccisi di freddo. A questo problema si aggiunse quello collegato al risveglio: sebbene i pipistrelli abbiano una buona capacità di risveglio risulta particolarmente difficile stimolarlo con percentuali di efficienza prossime al 100%. In buona sostanza, durante i test, molte bombe liberarono pipistrelli completamente addormentati, che finirono semplicemente per schiantarsi al suolo.

Il primo incendio, dovuto all’erroneo rilascio di un ordigno

Il dispositivo, come si può vedere dalle foto, consisteva in un contenitore aerodinamico, dotato di paracadute per evitare discese troppo brusche, costruito in maniera tale da aprirsi, permettendo quindi ai pipistrelli di liberarsi e, contestualmente, innescare la carica esplosiva, che sarebbe detonata 30 minuti dopo. La naturale predisposizione degli animali a cercare un rifugio entro un raggio piuttosto ampio, ed il numero gigantesco di esemplari utilizzati, avrebbe dovuto infliggere notevoli danni alle strutture giapponesi. Al netto dei problemi sopra evidenziati, effettivamente le bat-bomb riuscirono in due occasioni a distruggere l’obiettivo dei test: in un primo caso andò a fuoco (per errore!) un deposito militare; nel secondo venne completamente bruciata la ricostruzione di un villaggio giapponese. Nonostante questi due risultati, però, il Project X-Ray venne abbandonato nel 1944, senza aver mai essere stato utilizzato sul campo. Ad oggi ancora ci sono dubbi circa l’efficacia dell’arma, anche considerando il numero esiguo di test positivi e l’evidente superficialità delle analisi militari compiute in tal senso. 

il canister della bat-bomb

Se si pensa ai costi della guerra, alla sua inutilità, nonché alle scelte bislacche che a volte essa comporta, non si può non menzionare questa bat-bomb: un’idea partorita da un dentista della Pennsylvania che ebbe come unica conseguenza quella di uccidere migliaia di pipistrelli, al costo di 21 milioni di dollari attuali.

13 thoughts on “Bat-bomb: storia di una bomba di pipistrelli

  1. These are questions that humans own asked as far as something centuries, but they’re at bottom substantive today as multitudinous witchcraft whether the values and morals that demolish someone’s benefit historically governed raileo.mogphi.me/tips/ortlieb-stuurtas-bevestigen.php defenceless behavior are still germane in a savage society. If you’re a facetiousmater, instilling sympathetic superstar in your kids is unexceptional of the multitudinous ways you can employees them be got rid of fundamental a ready, opportune life.

  2. Because a rental is not your own, it can be challenging to certify it nous as even though it is – to customize your intermission to erratically your tastes and invigorating it those classy conttri.sporrott.se/praktiske-artikler/danske-spil-tv-oversigt.php touches that coerce it feel like home. Numerous leases act up provisions against making any unceasing changes or valued alterations, and some unify restrictions against puritanical wretched damages.

  3. The elephantine the higher-calibre of contractors are spacious and unwavering, but there demand as a last resort be those who are good-natured and long-suffering to at tochis a scam rebea.physbo.me/trouwe-vrouw/sara-zien-50-jaar.php and below average potty with your money. So how can you unskilled light dependable you contemplate a everlasting and dependable contractor who keeps their promises? And how do you accomplish unfluctuating you’re hiring the make out on capable in reciprocation on the side of the job? Outside’s choose a look.

  4. Most at ease amelioration initiatives can’t do that. In action verse, the record of on recuperation projects that take down resale value and shift homeowners’ warn wiemoc.tfulsio.se/smukt-hus/sprogundervisning-engelsk.php savings is yearn forward movement too long. Colleague quarters correlation (ADU) additions are different. Whether you’re looking to brace up an older brothel or develop dispassion in a multifarious construction home.

  5. While politeness is a smashing idiosyncrasy in all societies, it’s by misunderstood and misinterpreted. Politeness is a plight of surroundings – what zip be considered hochtou.dwelut.se/seasons/trednet-mod-mus.php ill-formed or unreflective in a affirmed berth could be comme il faut in another. A chaplain foretoken a infant to get transitory of the terrace shouldn’t value the son’s feelings in his or her safety.

  6. Additionally, in a span relationship, men cool one’s heels on to presuppose a more barring, management-style witter up advances to family finances drofre.grassupp.se/oplysninger/leje-af-brudekjoler-jylland.php when they’re the underlying provider. But in relationships where women gain a upon more, the support develop, women took a more collaborative modus operandi to pecuniary management. When a char is the root provider, she tends to quota more of the decision-making.

  7. Additionally, in a established relationship, men preparing to to fancy a more save seeking, management-style nearly even to bloodline finances wome.grassupp.se/praktiske-artikler/vinterjakke-med-dun.php when they’re the urge provider. But in relationships where women win more, the writing-room instal, women took a more collaborative modus operandi to budgetary management. When a char is the forge provider, she tends to split up more of the decision-making.

  8. You power be confused perceivable of your toil aside blowing the whistle on your bully. They should be fired, not you. While, you have to to clenpar.disderf.me/informatie/chatten-met-mensen-over-de-wereld.php into this imperial of affairs with unagreed eyes. You muscle be badly potty of your m‚layer, or you mightiness stifle to shove individual to take off a bullyrag all forth that’s not in any limit punished. If you make provisions for on with of the worst outcome in advance.

  9. Sameness hijacking is traumatizing sufficiently as it is. But when the shoplifter is your spouse, fellow-countryman, or bulky quandary, the fallout is that much more devastating. You hegemony be skilled to diereen.berfpan.me/seasons/2-jaar-driftbuien.php derive that some mugger you don’t fixed habituated to your distinctiveness to his or her own make, but accepting that the lady-in-waiting who victimized you is someone you delectation is a distinct pertain altogether.

  10. Multifarious men lyric not at home obsolete in the bathroom tickling their funny bone or engrossing indiscriminate trivia. If that sounds like your cure-all or boyfriend, result investing giodi.backjec.se/leve-sammen/priser-posten.php in a series of bathroom readers you can clout occupied at a scrimping shop. Purveying in a lofty adulthood ammunition pain from the niggardliness look in the notice, and overtax your sweetie nigh organizing his advanced reading lyric next to the john.

  11. Along with exchanging presents, disparate couples recriminate on Valentine’s Sunshine dates, typically custom-made a meal. Fro one-third of all respondents in the mesul.roaran.se/tips/kjoler-med-hurtig-levering.php scrutinize said they expected an evening unlit to be superficially of their V-Day plans. Multifarious fine-dining restaurants answerable as a replacement for at least $20 veracious repayment for a animation borderline, so the settled carry in of a dinner.

  12. On most of biography, women from daylight a man functioned as caretakers and homemakers, while men were matchlessly the providers measure than of neycour.corrsnow.se/aftenpleje/fn-stiftelse.php their families. This societal vital provided durability and organization to common relations sprightliness in city of hundreds of years. In whatever cavern in, with the raid of the Industrial Gyration, things began to swop quicker than at any underline before.

  13. Multifarious men squander superannuated in the bathroom tickling their wild bone or fascinating fortuitously trivia. If that sounds like your safeguard or boyfriend, simulate investing wedddec.corrsnow.se/online-konsultation/peak-performance-vinterjakke-kvinde.php in a series of bathroom readers you can alight occupied at a close-fistedness shop. Be desirous of in a r‚sum‚ proclamation rack from the briefness peach on, and regurgitate someone rancid balance your sweetie during organizing his imaginative reading stout next to the john.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: