Primo derby Fuori Asse (edizione 2015)

Uncategorized

Gioia ed orgasmo! Felicità e tripudio! Sono queste le parole d’ordine per la giornata del 13 marzo 2015, che vedrà la prima di una (speriamo) lunga serie di incontri calcistici dedicati alla memoria del Fuori Asse.

Velata da una coltre dorata di improbabile epicità, tutti in terra ciociara conoscono la leggenda della caduta Fuori Asse, fulgido esempio di eroica abnegazione del dolore e di pragmatica anamnesi infermieristica.

Alle ore 20 di domani, sul benedetto campo dell’oratorio di San Gerardo (Evviva Evviva San Gerardo!), le due compagini del Feccia Team e del Gay Team si scontreranno per portare a casa l’ambito premio: un panino unto di Domenico ed il titolo di vincitori del Primo Derby del Fuori Asse. Di seguito l’orario completo del programma:

Ore 19.50 Scambio dei gagliardetti e foto di rito

Ore 19.59 Chiamata telefonica per sincerarsi della presenza di Quadrini

Ore 20.10 Arrivo di Quadrini

Ore 20.15 Inizio del match (con colpevole ritardo)

Ore “quando moriconi sviene” Fine del match

Ore 23.45 Terzo tempo in perfetto stile Della Valle

Proseguiamo con la presentazione delle due squadre rivali: il Feccia Team ed il Gay Team.

Feccia Team

Club storico delle campagne frusinati, il Feccia team raccoglie campioni di caratura internazionale, vantando anche il maggior numero di convocazioni nazionali da parte delle province autonome di Trento e Bolzano. Capitanati dall’intrepido sior Iaboni, che costringe l’intero gruppo a faticosissime sessioni di Fifa, i ragazzi della Feccia seguono un regime alimentare rigorosissimo e particolare, costituito al 90% da Pasta alla Iaboni. Questo li rende avversari temibilissimi nei primi 5 minuti di partita. Punta di diamante del team è indubbiamente il mitico Federico Sacchetti, incredibilmente scampato alla paralisi completa da quella caduta londinese di tanto tempo fa. Dotato di tecnica e tenacia rappresenta una spina nel fianco della difesa propria ed avversaria. Si prosegue poi con l’intrepido Alfredo Di Lullo, la cui adolescenza segnata dalla micro criminalità e dal vandalismo  è stata salvata proprio dal giuoco del calcio, trasformandolo in un uomo retto e pio. E’ un mancino naturale di grande classe, ma ancora non lo sa. Sulla fascia Lorenzo Spaziani, i cui benefici della Pasta alla Iaboni sono visivamente manifesti in un bicipite di proporzioni erculee ed in una forza di spirito fuori dal comune. Chiude in porta l’eccezionale Campioni, infortunato ad libitum.

Gay Team

Squadra di nuovo corso, il Gay Team ha conquistato in pochissimo tempo gli onori della cronaca grazie ad una serie di vittorie nei campionati locali e nelle coppe ceccanesi. Merito della grande abilità espressa dal patron Lorenzo Lembo, il quale ha letteralmente dominato le sessioni di mercato degli ultimi anni. Non contento il destrorso fantasista svolge anche ruolo di allenatore/giocatore e capitano! A causa del fair play finanziario imposto da Attilio la squadra ha però dovuto ridimensionare lo stipendio del fuoriclasse Palombi, ora in odore di cessione (non stupisce che le malelingue lo chiamino “disgustoso mercenario riommanista”). Sempre per esigenze di risparmio sulla fascia sinistra è solito giocare Andrea Rotondi. Pianista di rinomata bravura è famoso per avere la forza muscolare del mignolo di Padoin. Al centro della difesa troneggia poi Quadrini, la cui fulgida pelata, esempio raro di bellezza sferica, pareggia ampiamente la totale incapacità nel controllo palla, nel dribbling e più in generale nel “calcio” come concetto sportivo. Chiude il portiere: il morolano Moriconi, tornato in grande forma dopo un periodo di depressione dovuto a certi brogli che lo vedevano coinvolto, insieme ad alcuni zingari poco raccomandabili, in un giro di scommesse del campionato AICS.

Insomma, si prospetta una grande serata di calcio, amicizia ed allegria! Siete tutti invitati al campo del San Gerardo per questa attesissima sfida, ricordando sempre, come dice il buon Reboli, che l’importante è partecipare e rispettare gli altri. Perchè il DERBY E’ LA VITA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *